fbpx

Sconfiggi la mentalità da vittima

VITTIMISMO banner

Dimmi la verità!

Anche tu ogni tanto cadi nella trappola del vittimismo?

Quando ti accadono cose brutte, ti prendi la responsabilità o incolpi tutto e tutti tranne te?

La vita è una sfida continua ed è facile lasciarsi andare ad emozioni negative e presumere che tutto il mondo sia contro di te.

Ogni tanto va bene lasciarsi andare ad un po’ di teatrale disperazione, ma subito dopo occorre ridere di se stessi ed evitare di rimanere bloccati nella fiera del vittimismo.

Come fai a guidare la tua vita verso i traguardi che desideri se giochi sempre la carta della vittima?

E’ un gioco dove vince chi trova la giustificazione migliore ai suoi fallimenti.

#leggi anche SE TROVI IL CORAGGIO DI FALLIRE TROVI ANCHE IL CORAGGIO DI RIPROVARRE

Secondo me, questo è il modo più veloce per perdere qualsiasi tipo di potere sulla tua vita.

Hai due scelte:

1. Prendere in mano la tua vita

2. Lasciare che la vita abbia in mano te

 

Cos’è la mentalità da vittima?

Le persone che hanno una mentalità da vittima credono che la vita gli capiti e quindi quando qualcosa va storto è ovvio che non può essere colpa loro ma della sfortuna o del cattivo comportamento di qualcun altro.

La mentalità da vittima è semplicemente una forma di EVITAMENTO.

È un modo per dire:

 

Mi rifiuto di assumermi qualsiasi responsabilità per me stesso e per la mia vita.

Di conseguenza, evitando di fare ogni cosa che potrebbe migliorare la tua vita rimani bloccato in uno stato di attesa e qualsiasi cosa, brutta e bella, che ti cade dal cielo influenza la tua esistenza.

Sei succube della vita!

O come ha detto Steve Maraboli:

La mentalità da vittima ti farà ballare con il diavolo, per lamentarti poi di essere all’inferno!

Sfortunatamente, l’adozione di questa mentalità ha un enorme vantaggio per le persone che adorano essere compatite.

Se vuoi solo essere compatito allora ho poco da dirti ancora, ma se vuoi cambiare la tua prospettiva e vuoi prendere in mano la tua vita allora c’è ancora speranza per te.

Scopri se hai una mentalità da vittima?

Ecco quattro segnali che possono indicare che sei in preda al vittimismo.

1. Vedi tutti i problemi come catastrofi

Ogni problema non può sempre essere il peggior problema.

Se presumi sempre che accadrà il peggio, l’Universo ti ascolterà e ti darà esattamente quello che stai chiedendo.

#leggi anche LE PROFEZIE LASCIALE AL DIVINO OTELMA

La prossima volta che ti sorprendi a pensare a quanto sia orribile quella cosa che ti è successa prova a chiederti:

Qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere?

Questo ti aiuterà a ricordare che il risultato potrebbe non essere così negativo come ti aspetti e che anche questa volta non si è verificata la fine del mondo!

2. Ti senti impotente

Una delle cose più difficili da affrontare quando vivi con una mentalità da vittima è sentirti impotente.

Quando accadono cose brutte, è facile sentirsi come se non avessi il controllo sulla situazione.

Quando ti trovi in una di queste situazioni, concentrati sulle cose che puoi cambiare.

Trovare qualcosa che puoi controllare può aiutarti a non sentirti del tutto impotente e questo è un grande passo.

Un altro modo per riconquistare un po’ del tuo potere è esercitarti a dire ‘no’.

#leggi anche SAI DIRE NO? I 4 BLOCCHI DELL’ASSERTIVITA’

Non devi fare tutto ciò che ci si aspetta da te.

Non è un peccato capitale mettere al primo posto le proprie esigenze.

3. Ti impegni in un dialogo interiore negativo

Dubitare di se stessi è intimamente connesso al vittimismo.

Se ti innamori della mentalità da vittima, inconsciamente auto-saboterai ogni tuo sforzo di essere migliore per rimanere congruente con la tua mente cosciente che ti ricorda in ogni istante di non essere abbastanza.

4. Pensi che il mondo ce l’abbia costantemente con te

Se senti che il mondo cerca costantemente di ferirti o di renderti infelice, sai che sei caduto nella spirale del vittimismo.

La vita non vuole affondarti.
In effetti, cerca sempre di lavorare a tuo favore se scegli di adottare una mentalità di crescita.

#leggi anche SE I TUOI PENSIERI TI COMANDANO, ORDINATI DI CAMBIARE!

A volte accadranno cose nella vita che sono fuori dal tuo controllo.
Sta a te decidere come rispondere a quegli eventi.

Quando inizi a vedere le sfide come opportunità di crescita, all’improvviso, cominci a notare che la vita ti costringe a salire di livello, il che è una benedizione perché ti dai l’opportunità di diventare LA MIGLIORE VERSIONE DI TE STESSO che ormai è diventata una frase da Baci Perugina, ma è la sacrosanta verità!

Come faccio a fermare la mentalità da vittima?

Il primo passo per uscire da una mentalità da vittima è capire e accettare di averne una.

Il passo successivo è spostare i tuoi pensieri dal sentirti come una vittima alla consapevolezza di essere un combattente.

È incredibilmente liberatorio quando ti rendi conto di non essere più una vittima delle circostanze della tua vita.

Se vuoi essere un vero combattente, devi concentrare la tua attenzione meno sulla zona di comfort e sulla protezione e più sullo sviluppo di convinzioni positive su te stesso.

I combattenti sanno di essere i veri padroni della loro vita, il che significa che si assumono la piena responsabilità di tutto ciò che accade, sia nel bene che nel male.

Inoltre, invece di vedere il mondo attraverso una lente in bianco e nero, i veri combattenti sono aperti a nuovi modi di pensare e di comportarsi e questo garantirà la loro crescita ed evoluzione.

1. Identificare e sconfiggere le convinzioni limitanti

Le credenze sono percezioni costruite su vecchi ricordi di dolore e piacere.

Questi ricordi si basano su come abbiamo interpretato le nostre esperienze nel tempo.

Se queste convinzioni sono prive di potere nella loro natura, portano all’auto-sabotaggio e ad una sensazione di impotenza nella nostra vita.

Se vuoi smettere di essere una vittima, devi prima identificare la voce interiore critica che ha creato sentimenti di vittimismo e ingiustizia.

Quando hanno preso forma per la prima volta nella tua vita sentimenti di autocommiserazione, scarsa considerazione di se stessi e falsa colpa?

Quando inizi a capire perché ti senti in quel modo, ti prendi la responsabilità dei pensieri e ti rendi conto che hai il potere di cambiare e spostare la narrazione da vittima a vittoriosa.

2. Assumiti la responsabilità della tua vita

Quando ti assumi la responsabilità della tua vita, prendi possesso dei tuoi pensieri, sentimenti e azioni.

Progetta la tua vita dettando le tue condizioni.

Il momento in cui smetti di incolpare il mondo è il momento in cui passi da vittima a vincitore.

All’improvviso, la vita inizia a lavorare a tuo favore perché hai scelto di farti vedere.

3. Adotta un atteggiamento di gratitudine

La vittima sente sempre la mancanza di qualcosa.

L’opposto di mancanza è abbondanza, ed è qui che entra in gioco la gratitudine.

Il modo più rapido per smettere di essere una vittima è adottare un atteggiamento di gratitudine.

Prendi l’abitudine di chiederti:

Per cosa sono grato oggi?

La gratitudine è semplicemente il riconoscimento cosciente di ciò che ti porta gioia nel momento presente.

Quando smetti di ossessionarti per le tue cose e guardi il quadro più ampio, inizi a realizzare quanto sei fortunato davvero.

4. Pensa positivo

La vittima “sguazza” nei pensieri negativi.

I tuoi pensieri creano la tua realtà.

Quando inizi a concentrarti sul bene, attiri più cose positive nella tua vita.

Sei stanco di fare la vittima?

Decidi adesso che sei pronto a diventare il padrone della tua vita e poi agisci.

Sei capace di grandi cose se credi in te stesso e agisci in base alle tue convinzioni.

Adesso è il momento di riprendere il controllo della tua vita.

Ti senti pronto?

Si lo so e ti capisco!
Essere pronti ed agire non sono la stessa cosa.

Immagini di saltare quel fosso, nella tua testa sei già dall’altra parte ma le gambe fanno fatica a muoversi.

Hai dentro di te la chiara visione della persona che vorresti essere ma ci sono ancora troppi verbi al condizionale in questa immagine.

Ti serve qualcuno che ti aiuti a concretizzare il cambiamento liberando finalmente il tuo potenziale.

Ti domandi se quel potenziale esiste davvero?

Certo che esiste, ma a volte si nasconde bene e se tu non conosci gli strumenti per stanarlo rimarrà sempre lì, rintanato nel suo angolo protetto dalle mille cianfrusaglie che tu stesso ci hai messo sopra.

STRUMENTI e METODO sono gli elementi che io posso darti.

SODDISFAZIONE e CRESCITA sarà quello che otterrai.

 

La chance per portare la vita al livello che desideri veramente

La chance per portare la vita al livello che desideri veramente