fbpx

Albert Einstein: pensavo fosse genialità ma era duro lavoro

scoperte-di-einsten-878x400

Oggi imparerai che Einstein non era un genio, ma un uomo tenace e perseverante con una fervida fantasia che ha avuto un forte impatto creativo nella sua vita.

Penserai che mi sono bevuto il cervello dicendo che non era un genio, ma credimi continua a leggere e capirai che è il duro lavoro la forma più autentica di genialità e puoi sfruttare anche tu le sue strategie per realizzare ciò che vuoi.

I miracoli non esistono

Nel 1905, all’età di 26 anni, Albert Einstein ebbe quello che oggi chiamiamo il suo anno dei miracoli.

Pubblicò tre articoli accademici che hanno radicalmente trasformato il campo della fisica.

Se sei come la maggior parte delle persone, ma so che non lo sei, altrimenti non saresti atterrato su questo Blog 😉 attribuisci la svolta creativa di Einstein a un misto del suo genio eccentrico e dei suoi sogni ad occhi aperti (uno dei suoi più famosi era visualizzare cosa sarebbe potuto accadere se avesse inseguito un raggio di luce).

Ma, come vedrai in questo articolo, la vera storia della creatività di Einstein è molto più interessante e soprattutto istruttiva.

NON è la storia di un genio che fa qualcosa che non avremmo mai potuto fare noi comuni mortali.

È la storia di qualcuno che usa una serie di STRATEGIE che chiunque può replicare per fare scoperte creative.

Queste strategie si nascondono in bella vista tra molti dei più grandi scienziati e inventori della storia.

Certo, le probabilità che chiunque legga questo articolo scopra la prossima Teoria della
Relatività sono incredibilmente piccole.

Anche Einstein non è riuscito a replicare le sue scoperte più avanti nella sua carriera.

Tuttavia, questo non sminuisce il fatto che l’utilizzo delle strategie creative di Einstein può renderti notevolmente più efficace e di successo.

Detto questo, tuffiamoci nella storia revisionista dell’anno miracoloso di Einstein e mettiamo le cose in chiaro.

Einstein non è quello che la storia ci dice che fosse

Prima del suo anno miracoloso, l’ultima parola che un osservatore esterno avrebbe associato a Einstein era GENIO.

Il preside della sua scuola gli aveva detto più volte che non sarebbe mai arrivato a nulla.

Era uno degli unici studenti della sua classe a non trovare lavoro dopo la laurea.

Quindi, è tornato a casa e dopo alcuni mesi di ricerca di una posizione ha iniziato a perdere la speranza. In un atto di disperazione, suo padre ha scritto una lettera a uno stimato professore quasi implorando aiuto ma senza ricevere risposta.

Quattro anni dopo, Einstein ebbe il suo anno miracoloso.

Fermiamoci a considerare quanto sia folle questo.

Immagina un laureato di oggi che vive ancora con i suoi genitori e sembra che non riesca a farcela.

Quindi immagina un intero campo della fisica che viene trasformato solo pochi anni dopo da quella persona.

Questo semplicemente non accade.

E la domanda mi sorge spontanea: in che modo questo ragazzo ha dato alcuni dei contributi più significativi al campo della fisica?

Einstein non ebbe successo durante una notte

Quando leggiamo di Einstein, tendiamo troppo alla semplificazione: un uomo scapigliato con gli occhi che ti fissano insistenti e le rotelle del cervello sempre in moto…

Le verità poco conosciute su Einstein sono altre.

Einstein ha allenato deliberatamente la sua immaginazione visiva per 10 anni prima del suo anno miracoloso.

E per tutta la sua carriera ha considerato la fantasia, non il pensiero razionale, come il segreto del suo impatto creativo.

Quando esamino me stesso e i miei metodi di pensiero arrivo alla conclusione che il dono della fantasia ha significato per me più del mio talento nell’assorbire la conoscenza.

ha spiegato Einstein più avanti nella sua carriera.

La logica ti porterà da A a B. L’immaginazione ti porterà ovunque.

Quindi, esattamente come ha fatto Einstein a visualizzare se stesso nel territorio del genio?

E come possiamo sviluppare questa capacità dentro di noi?

La scuola che Einstein frequentò dopo essere stato cacciato era una scuola d’avanguardia che enfatizzava il pensiero visivo.

È stato qui che ha iniziato a visualizzare come funziona la luce in condizioni diverse.

All’età di sedici anni, Einstein iniziò a condurre esperimenti mentali sui fasci di luce. Questi esperimenti mentali erano esercizi che aiutarono Einstein ad apprezzare le proprietà della luce e lo aiutarono anche a notare anomalie e incongruenze.

Il giovane Einstein era capace di vedere e sentire una situazione fisica in modo quasi tangibile, manipolarne gli elementi, osservare i loro cambiamenti, il tutto immaginandolo con la mente.

Attenzione: non era una dote, era una competenza imparata nell’arco di 10 anni!

Dopo essersi laureato al Politecnico di Zurigo e aver trascorso diversi mesi candidandosi senza successo a posizioni accademiche in tutta Europa, Einstein è stato finalmente accettato per un umile lavoro come impiegato svizzero in brevetti, dove ha lavorato per quattro anni.

Ma il tempo non è andato sprecato: Einstein iniziò a eseguire esperimenti mentali sulla relazione tra luce e tempo.

Conoscendo la storia di Einstein, ci allontaniamo dalla teoria del “successo in una notte”  e troviamo un’abilità e un’abitudine apprendibili che Einstein ha praticato e sviluppato nel tempo.

I grandi usano la simulazione mentale

Il modo più comune in cui scienziati e inventori usano la simulazione mentale è modellare il loro mestiere nella loro testa.

Il mio esempio preferito di questo approccio viene dall’autobiografia di uno dei più grandi inventori della storia, Nikola Tesla.

Tesla trascorreva ore ogni notte viaggiando nella sua mente, incontrando persone, vedendo nuove città e paesi, facendo amicizia.
All’età di 17 anni, aveva praticato l’arte della simulazione mentale così tanto che trasformare questa abilità nelle sue invenzioni fu un passaggio praticamente naturale.

La scienza mostra che coloro che hanno una migliore teoria della mente sono in grado di prevedere meglio come gli altri risponderanno in determinate situazioni.

È come una versione realistica del film Next, in cui il personaggio di Nicholas Cage può vedere cosa accadrà due minuti dopo.

Prima di avvicinarsi a una donna che vuole andare a conoscere in una tavola calda, passa attraverso tutti i diversi approcci che potrebbe fare finché non ne trova uno che avrà successo.

Questa capacità è rilevante per i venditori che desiderano anticipare le reazioni di un cliente.

È importante per un genitore che vuole convincere il proprio figlio a fare qualcosa.

È rilevante per qualsiasi artista che desideri sapere come verrà percepito il proprio atto creativo.

È rilevante per un imprenditore che vuole anticipare le esigenze di un cliente.

Vediamo questo stesso modello anche in uno degli autori più venduti del 20 ° secolo, Napoleon Hill.

Nel suo libro, Pensa e arricchisci te stesso, che descrive i suoi 20 anni di studio sulle persone di maggior successo della sua età, tra cui Andrew Carnegie, Henry Ford e Thomas Edison. spiega:

Ogni notte, per un lungo periodo di anni, tenevo una riunione immaginaria del Consiglio con questo gruppo che chiamavo i miei “consiglieri invisibili”.

La procedura era questa. Appena prima di andare a dormire la notte, chiudevo gli occhi e vedevo, nella mia immaginazione, questo gruppo di uomini seduti con me intorno alla mia Tavola del Consiglio. Qui non solo ho avuto l’opportunità di sedere tra coloro che consideravo grandi, ma ho addirittura dominato il gruppo, servendo come Presidente…. In queste riunioni immaginarie del Consiglio ho invitato i membri del mio Gabinetto per la conoscenza che desideravo che ciascuno contribuisse, rivolgendomi a ciascun membro con parole udibili.

Come puoi usare la tecnica di Einstein

Che tu sia un dipendente, un libero professionista, un investitore, un consulente, un designer, un manager o un imprenditore hai già un modello di come funziona il tuo campo sebbene possa essere per lo più inconscio.

Il trucco ora è renderlo consapevole e migliorarlo deliberatamente.

Puoi farlo con la tecnica di Einstein.

Ecco i passaggi:

  1. Costruisci consapevolmente un modello mentale di come funziona effettivamente il tuo campo;
  2. Metti alla prova il modello mentale nella tua mente stimolando mentalmente diversi scenari;
  3. Metti alla prova la precisione del tuo modello mentale nel mondo reale;
  4. Ripeti i passaggi 1-3 con le lezioni apprese nei passaggi 2 e 3.

Gli individui e le organizzazioni che fanno più esperimenti di questo genere hanno maggiori probabilità di avere più successo.

Non è un caso che le più grandi aziende del mondo siano anche i più grandi sperimentatori e che Jeff Bezos affermi:

Il nostro successo in Amazon proviene da quanti esperimenti facciamo all’anno, al mese, alla settimana, al giorno.

Quando simuliamo gli scenari nella nostra testa, otteniamo immediatamente un sottile istinto viscerale su ciò che accadrà e un’emozione (ad esempio : “qualcosa non va qui” o “questo è perfetto“…).

Quando sperimentiamo nel mondo reale, otteniamo un feedback qualitativo e quantitativo.

Siamo nati con un’incredibile capacità di simulare la realtà utilizzando modelli mentali (eppure, spesso la sprechiamo)

Viviamo in un’epoca che premia la razionalità e la logica come le più alte forme di intelligenza.

Negli ultimi decenni sono stati identificati centinaia di pregiudizi cognitivi che mostrano quanto possa essere irrazionale la nostra intuizione.

Sì, i pregiudizi cognitivi sono importanti.

Sì, la razionalità è fondamentale.

Ma lo sono anche l’immaginazione e l’intuizione!

Questo articolo ci ricorda che non dobbiamo trascurare le miracolose capacità native del nostro cervello.

E dovremmo allenare la nostra intuizione, imparando i modelli mentali più preziosi.

Perché, se guardi in profondità a molte delle più grandi scoperte della nostra società, prima che fossero logicamente provate, c’erano stati spesso molti anni di selvaggi voli di fantasia.

La mente umana è il sistema più complicato, elegante e sorprendente del mondo.

Tuttavia, non ci viene mai insegnato come usarlo al massimo delle sue capacità.

In questo articolo, spero che ora vediate nuove possibilità per utilizzare il potere innato del vostro cervello…ovviamente con un’altissima dose di duro lavoro!

C’è un vecchio detto secondo cui usiamo solo il 10 percento del nostro cervello.

Ciò si è dimostrato falso in senso letterale: non è che il 90 percento della nostra materia grigia sia dormiente, semplicemente forse non sappiamo come sfruttarlo.

Grazie per aver letto il mio articolo!

Fammi sapere se trovi interessanti i miei consigli e se sono per te spunti di riflessione.

SCRIVIMI  e non dimenticare di visitare il mio sito.