fbpx

Insegui i tuoi sogni come Bethany Hamilton, la surfista senza un braccio

bethany 1

E’ la mattina del 31 ottobre 2003.

Bethany Hamilton, tredici anni, va a fare surf con gli amici al largo di Tunnels Beach, Kauai, Hawaii.

Intorno alle 7:30 decide di godersi un momento di tranquillità riposando sulla sua tavola e guardando le tartarughe marine che nuotano.

E’ in quel momento di quiete e di serenità che uno squalo tigre di quattro metri l’attacca, staccandole di netto il braccio sinistro.

I suoi amici la riportano tempestivamente in spiaggia, costruiscono un laccio emostatico improvvisato e la portano in ospedale.

Ma a quel punto è già in stato di shock  avendo perso almeno il 60% del suo sangue.

Per fortuna, nonostante il grave trauma, Bethany sopravvive e riesce a tornare a casa dopo un periodo di recupero di tre settimane.

Bethany Hamilton incarna il potere di dire no agli ostacoli della vita

Le persone tendono a stare lontane dalle cose che le hanno ferite ma Bethany non è la gente.

Ha sempre amato fare surf, è nata per questo, è il suo sogno.

Ha vinto la sua prima competizione quando aveva solo otto anni.

Quindi, mentre alcuni sopravvissuti all’attacco di squali non tornano mai più in acqua, Bethany è tornata su una tavola dopo un mese.

Solo una settimana dopo essere uscita dall’ospedale.

Quasi inconcepibile per la maggior parte delle persone.

#leggi anche l’articolo “Secondo te Alex Zanardi ha mai pensato a ciò che non aveva?”

Ricomincia a surfare con una tavola modificata per rendere più facile la pagaiata e non passa molto tempo prima che ci riprenda la mano.

Il 10 gennaio 2004, poco più di due mesi dopo l’attacco, gareggia di nuovo su una shortboard standard.

Quell’anno vince il primo premio alla NSSA National Competition in Australia.

L’anno successivo ottiene un altro primo posto al torneo O’Neill Island Girl Junior Pro.

Come è normale che sia la sua storia diventa un’ispirazione.

Compare in TV, da Good Morning America a The Oprah Winfrey Show e vince l’ESPY Award come Best Comeback Athlete.

E da qualche parte in tutto ciò ha trovato il tempo per pubblicare un libro: Soul Surfer: una vera storia di fede, famiglia e lotta per tornare sul tabellone.

Le recinzioni sono nelle nostre menti

Hamilton è una devota cristiana e afferma che la sua fede in Gesù ha giocato un ruolo importante nella sua guarigione e nel successivo successo.

Non posso fare a meno di pensare che avrebbe trionfato indipendentemente dalla fede grazie al suo raro dono di rifiutarsi di arrendersi.

Molte persone avrebbero lasciato che una battuta d’arresto come la sua li fermasse di colpo.

Le persone che soffrono per amore si ritirano dai legami sentimentali per risparmiarsi ulteriore dolore.

Le persone ferite si rassegnano a non prendere più parte a determinate attività.

E le persone che si sono sentite sciocche davanti agli altri metteranno barriere per prendere le distanze da ulteriori imbarazzi.

Ma la vita può essere piuttosto crudele e senza senso.

A volte accadono cose terribili senza motivo e l’unico controllo che abbiamo su di esse è come ci sentiamo al riguardo.

Quello che alcuni potrebbero vedere come un trionfo della fede, io lo vedo come un trionfo dell’atteggiamento.

Hamilton ha perso un braccio in un’età in cui l’immagine di sé e l’adattamento agli altri sono di vitale importanza.

E gareggiava a livello internazionale in uno sport in cui l’equilibrio è fondamentale.

E come ha risposto?

È saltata di nuovo su quella tavola e l’unica domanda che si è fatta è stata:

Come posso mantenere l’equilibrio con un solo braccio?

Dove altri avrebbero potuto arrendersi e dire, ecco, la cosa che amo mi sarà negata per sempre, Bethany decide di trovare un’altra via.

Se mai ho avuto un momento di dolore per me, è stato davvero di breve durata!

Invece di crogiolarsi nell’autocommiserazione, ha guardato la sua tragedia negli occhi e l’ha vista non come uno stop, ma come un’opportunità di apprendimento.

E lei l’ha colta.

Applica questo atteggiamento alla tua vita

Quasi tutti possono trarre ispirazione dalla storia di Bethany.

Io oggi ho deciso di parlarne proprio perché, a mio avviso, rispecchia perfettamente la mia idea di vita.

Se ad ogni ostacolo mi fossi fermato e rannicchiato in me stesso a quest’ora non sarei certamente a scrivere di perseveranza e di coraggio ma bensì di sfortuna e di destino.

E’ su questo assioma che ho costruito la mia idea di successo.

Qualsiasi sia la natura dell’intoppo che ti si pone davanti devi diventare inarrestabile.

Sei stato rifiutato?

Il rifiuto fa parte di qualsiasi gioco, soprattutto se quello che stai facendo è aperto a un’interpretazione soggettiva.

Un rifiuto non significa che non attraverserai mai quel fiume proverbiale, significa solo che un ponte che porta dall’altra parte è chiuso per il momento.

Cerca semplicemente un altro modo.

Arriveranno battute d’arresto e alcune potrebbero sembrare insormontabili, ma quasi nessuna lo è.

Pensi che il mondo si sia rivoltato contro di te?

Almeno uno squalo non si è mangiato il tuo braccio!

E anche se dovesse succedere, grazie a Bethany Hamilton, sai che non sarà la fine del mondo.