fbpx

Cambia i tuoi pensieri e cambierai il tuo mondo

peale BANNER

Mi capita spesso di ripensare a questa citazione di Norman Vincent Peale.

Lo conosci?

E’ stato un ministro e scrittore americano, morto agli inizi degli anni ’90, conosciuto per il suo lavoro nella divulgazione del concetto di pensiero positivo, soprattutto attraverso il suo libro best seller The Power of Positive Thinking.

Ha servito come pastore in una chiesa di New York ed è stato un amico personale del presidente Richard Nixon.

Anche Donald Trump ha frequentato la chiesa di Peale ed ha anche sposato la sua prima moglie Ivana.

Ti ricordi la registrazione che Ray Kroc ascolta in The Founder, film che racconta la storia dell’espansione delle catene di MacDonald?

Si tratta proprio di un discorso motivazionale di Norman Vincent Peale.

Le idee e le tecniche di Peale sono state considerate per molto tempo controverse e criticate in quanto tutto il suo lavoro sul pensiero positivo è collegato allo studio della Bibbia.

Ma io mi chiedo: cosa importa se le sue riflessioni provengono dallo studio della Bibbia, del Corano o semplicemente da un osservazione senza filtri religiosi dell’umanità?

Ovunque mi girassi vedevo persone frustrate dalle loro paure e sentimenti di inferiorità.

Credere in se stessi e nelle proprie capacità è un pensiero universale e se per Peale il tramite è stato Dio ed ha funzionato, per te può essere qualsiasi altra cosa, o entità o meglio ancora il LAVORO CHE FAI SU TE STESSO.

Basta che funzioni.

Il senso di inferiorità interferisce con la possibilità di realizzazione: CREDERE IN TE STESSO è la chiave di tutto.

Perché ci sentiamo inferiori?

Tralasciando i riferimenti alla Bibbia perché voglio rimanere in campo neutro posso dirti che il nostro senso di inferiorità molto spesso proviene da noi stessi e da come abbiamo deciso inconsciamente di leggere i messaggi che provengono dall’esterno.

# leggi anche SCONFIGGI LA MENTALITA’ DA VITTIMA

Letteralmente, ricevi e diventi ciò che dici alla tua mente inconscia che meriti e pensi di essere.

Lo stato attuale della tua vita è il risultato diretto delle storie che racconti a te stesso e di ciò che credi davvero possibile.

La soluzione?

Modificando tutte le storie limitanti che dici a te stesso, sarai in grado di cambiare la tua vita.

Non subito ma con il tempo e la costanza SI.

Mi sono reso conto della falsa realtà che spesso raccontiamo a noi stessi e del suo effetto dannoso.

Nemmeno io ne sono stato immune, e so che ci sono tante persone che sono ancora bloccate nella loro realtà distorta e non sanno come liberarsene.

Quindi, permettimi di condividere con te alcuni punti importanti del pensiero positivo di Peale per iniziare a cambiare la storia che racconti a te stesso:

  1. visualizza te stesso in una realtà fatta di realizzazione e successo (non immaginarti mai dalla parte dei perdenti perché la tua mente inconscia farà si che il tuo pensiero negativo diventi sempre più forte);

  2. sostituisci sempre pensieri negativi con pensieri positivi troncando la negatività sul nascere;

  3. non ingrandire gli ostacoli con l’immaginazione. Cerca di analizzare paure ed ostacoli e rivedili in un’ottica meno tragica. Questo non significa sminuire i tuoi problemi ma guardarli dalla giusta angolazione;

  4. concentrati su te stesso e non sugli altri. Se hai letto del ragazzino che è diventato milionario a 15 anni ecc…non paragonarti. Tu sei portatore di storie tue.

  5. scopri l’origine dei tuoi dubbi e fatti aiutare da qualcuno che può comprendere l’origine di dei tuoi meccanismi negativi e aiutarti a trasformarli;

  6. fai un calcolo esatto delle tue capacità e poi aumentalo del 10%. Questo non significa sopravvalutare le nostre competenze, ma ci aiuta a darci la forza per continuare a studiare e a crescere per arrivare davvero ad essere migliore.

Quali storie ti racconti in questo momento?

La ragione di questa domanda è che tu ti identifichi con le storie limitanti che dici a te stesso.

Allora, qual è la storia limitante che racconti a te stesso?

Le storie più comuni sono: non troverò mai l’amore; non avrò mai successo; sono troppo timido per fare un discorso in pubblico; non vado all’università perché non sono abbastanza intelligente; oppure sono troppo pigro per andare in palestra.

Insomma da qualsiasi parte ti giri NON SEI ABBASTANZA.

Come accennato in precedenza, lo stato attuale della tua vita è il risultato diretto delle storie che racconti a te stesso.

Queste storie ovviamente non sono reali, ma tu credi che lo siano.

La tua storia crea e ordina il tuo atteggiamento e il modo in cui rispondi alla vita.

La differenza tra te e le persone che fanno e hanno le cose che hai sempre desiderato è la storia che racconti a te stesso.

Cambiare quella storia è uno dei passaggi più importanti per iniziare a cambiare la tua vita.

Cambia la tua storia limitante in una storia potente

Quando hai identificato la tua storia limitante, devi cambiarla in una nuova storia positiva.

Prendiamo come esempio la vecchia storia di non essere abbastanza.

Per te decidere di essere abbastanza potrebbe essere la tua nuova storia.

Lo so che non è proprio così facile, ma tu prova a pensare con quale facilità riesci ad inquinare la tua mente con false convinzioni su te stesso.

Devi fare lo stesso lavoro ma utilizzando finalmente convinzioni positive.

Hai paura di risultare un invasato?

Tranquillo…tu intanto comincia a sentirti abbastanza e poi ne riparliamo.

Sostieni la tua nuova storia con le emozioni

Supportare la tua nuova storia con i fatti ti aiuterà a crederci, ma ciò che la fissa davvero nella tua vita è associarla a emozioni positive e pensiero positivo.

Quello che faccio ogni mattina ancora fra le coperte è visualizzare come sarà la mia giornata.

Immagino di alzarmi e di fare un ottimo allenamento per un’ora.

Mi visualizzo mentre bevo una tazza di caffè con il sole che splende luminoso attraverso la finestra.

Visualizzo i miei appuntamenti, il loro esito positivo, il mio sorriso.

Immagina una nuova storia per la tua vita e inizia a viverla.

Paulo Coelho

Fallo accadere

La visualizzazione non è sufficiente per far accadere il cambiamento.

Lo fai accadere agendo ed è qui che inizi davvero a vedere il cambiamento in atto.

Ora che hai una nuova storia di potere, sarai in grado di vedere più opportunità nella tua vita.

Avrai anche il coraggio di provare cose che non hai mai fatto prima.

Inizierai a metterti alla prova più spesso e vedrai le cose da una prospettiva più positiva.

A volte potresti ricadere nelle vecchie abitudini, ma ricorda che fare uno sforzo ti porterà un passo più vicino al tuo ideale di quanto non fossi prima.

 

Alcune persone vogliono che accada, alcuni desiderano che accada, altri lo fanno accadere.

Michael Jordan

Non punirti troppo severamente

I cambiamenti non arriveranno velocemente come vorresti che fossero.

Quello che accadrà, però, è che riconoscerai le opportunità che ti porteranno lì.

Non arrabbiarti con te stesso o con gli altri se non accade abbastanza velocemente o se non riesci ad apportare i cambiamenti che desideri.

Fare progressi lenti ma costanti nella giusta direzione ogni giorno ti porterà dove devi essere.

È importante essere coerenti.

Non punirti se ricadi nelle vecchie abitudini.

Spesso siamo i nostri maggiori critici.

Basta rialzarsi e ricominciare.

È la capacità di continuare ad andare avanti che ti porterà al tuo obiettivo.

Grazie per aver letto il mio articolo!

CONTATTAMI per qualsiasi informazione tu voglia avere riguardo ai miei eventi e percorsi di coaching.