fbpx

Il Metodo “Leonardo da Vinci”

Leonardo da Vinci Mentore

Alla fine del 2017, Salvator Mundi, uno dei dipinti di Leonardo da Vinci, è stato venduto per 450,3 milioni di dollari.

Per un bambino nato fuori dal matrimonio nel XV secolo, questo è un bel risultato.

Eppure, molti sostengono che questo non è nemmeno vicino a essere il suo più grande contributo all’umanità.

Quando si pronuncia la parola Rinascimento viene subito in mente Leonardo.

Non solo è stato l’incarnazione dell’artista per eccellenza, ma è stato anche un prolifico inventore che ha contribuito a tutto, dall’architettura, alla musica, all’anatomia e alla geometria.

L’idea che le generazioni si sono fatte di Leonardo da Vinci è di un personaggio quasi mitico, praticamente un genio. 

E’ stato un genio diverso da chiunque e la domanda che mi sono posto è:

E’ nato genio o lo è diventato?

Sebbene sia difficile trarre una conclusione definitiva su qualcuno che ha vissuto più di 500 anni fa, sembra che il genio di Da Vinci provenisse più dall’esperienza che dai suoi geni, come sostiene Walter Isaacson nel suo libro “Leonardo da Vinci”.

Fin dalla giovane età, più di qualsiasi talento oltre a quello che ha guadagnato con la pratica, è abbastanza chiaro che ciò che lo ha spinto era la sua infinita curiosità.

Tutto il resto può essere ricondotto ad esso.

Ha immaginato, ha chiesto, ha imparato e ha fatto cose molto ordinarie in un modo straordinario.

Sebbene il suo lavoro possa essere considerato irripetibile, il suo metodo non lo è e mostra come possiamo nutrire una curiosità simile nelle nostre vite.

Anche Leonardo aveva un Metodo

1. Osservare senza distinzioni predefinite

Se guardi attraverso la lente della storia e studi le vite di molti grandi inventori, costruttori e creatori, c’è un filo comune che si presenta più spesso di quanto si pensi.

Anche se non è sempre così, è chiaro che alcuni dei contributi più importanti che sono stati aggiunti al flusso della cultura sono stati trovati all’incrocio tra scienza e arte.

Piuttosto che una profonda specializzazione, ciò che vediamo è che la magia della creatività e dell’ingegno umano è il prodotto della mescolanza e dell’abbinamento di diversi campi, prospettive e persone.

È ovvio guardando i contributi di da Vinci.

Una cosa, tuttavia, che è diversa in da Vinci è il fatto che non l’ha mai davvero pensato come una distinzione.

Sembra esserci poca separazione tra i campi nella sua osservazione.

Ha semplicemente guardato, annotato e contestualizzato le cose come meglio credeva.

Non era come se un giorno studiasse intenzionalmente scienze e un altro arte.

Per lui erano la stessa cosa.

Ballavano insieme e non era possibile capirne l’uno senza l’altro.

Sebbene negli ultimi tempi si parli spesso dei vantaggi dell’apprendimento e del pensiero interdisciplinare, creiamo ancora confini precisi e siamo governati da essi come se esistessero intrinsecamente.

La verità è che non esiste scienza o arte al di là delle etichette linguistiche che usiamo per dare un senso ai diversi aspetti del mondo.

C’è solo una realtà, e quella realtà attraversa e si confonde con se stessa in modi che non possono essere catturati da discipline ben precise.

Naturalmente, nominare, etichettare e creare confini ci aiuta a mettere ordine e a dare un senso al mondo, ma allo stesso tempo restringono la nostra curiosità.

Se vuoi vedere il mondo per quello che è veramente, allora devi osservare senza tali pregiudizi.

2. Mettere in discussione il mondano e l’ovvio

Si stima che i famosi taccuini di Leonardo contino circa 7200 pagine.

Contengono registrazioni del suo tempo sia a Firenze che a Milano; si immergono nei suoi sentimenti di dubbio e insicurezza e parlano dei suoi rapporti con amici e collaboratori.

L’aspetto di gran lunga più evidente, tuttavia, è quello delle domande.

E non solo domande su cose grandi e importanti, ma anche domande su cose apparentemente piccole e poco rilevanti.

Era letteralmente affascinato da qualsiasi cosa.

Nelle sue stesse parole:

Ho vagato per la campagna alla ricerca di risposte a cose che non capivo. 

Perché le conchiglie esistevano sulle cime delle montagne insieme alle impronte di coralli, piante e alghe che di solito si trovano nel mare. 

Perché il tuono dura più a lungo di quello che lo provoca, e perché subito alla sua creazione il fulmine diventa visibile all’occhio mentre il tuono richiede tempo per viaggiare. 

Come si formano i vari cerchi d’acqua attorno al punto colpito da una pietra e perché un uccello si sostiene nell’aria. Queste domande e altri strani fenomeni coinvolgono il mio pensiero per tutta la vita.

Sebbene l’importanza di porre domande per trovare risposte non sia persa per la maggior parte di noi, per molte persone alcune di queste domande possono sembrare poco interessanti e irrilevanti per la loro vita.

La cosa che trascurano, tuttavia, è che ciò che è poco interessante e persino ovvio in superficie può contenere un tesoro da scoprire se esplorato in profondità.

Pochissime cose sono interessanti in superficie.

Spesso dobbiamo scavare.

Molte di queste domande non hanno aggiunto immediatamente nulla alle opere d’arte di Leonardo da Vinci, ma hanno aggiunto ricchezza a come vedeva il mondo, e quella ricchezza ha contribuito a delineare il modo in cui ha dipinto valli e fiumi, paesaggi e montagne e persino corpi e sorrisi.

C’è un intero mondo di cose che meritano la tua curiosità, ma devi cercare per trovarle.

3. Sperimentare come se fosse sempre un lavoro in corso

La maledizione del perfezionismo non è rara.

Instilla paura e dubbio e, prima o poi, affligge chiunque prenda decisioni, siano essi artisti o uomini d’affari.

Lo svantaggio più evidente di tale perfezionismo è che interrompe la produzione e la creazione.

Paralizza le persone e le porta a non completare mai ciò di cui hanno bisogno per progredire nel mondo.

Data la qualità della pittura di Leonardo, forse non sorprende che fosse anche in conflitto con la necessità di produrre solo il meglio.

In effetti, la stragrande maggioranza del lavoro che ha iniziato è rimasto incompiuto, e anche quello che ha portato a termine, a volte, ha richiesto anni e decenni per essere completato.

Ma Da Vinci ha fatto un ulteriore passo avanti.

Esponeva le sue opere con la convinzione che potevano comunque essere migliorate.

Quello che ha creato è sempre stato un work in progress perché sapeva che non aveva finito di padroneggiare nuove tecniche.

Si pensa che la Gioconda, ad esempio, sia stata prodotta nel corso di 10-14 anni.

Anche a quel punto sembra probabile che da Vinci non la considerasse ancora del tutto completato.

C’erano modifiche da apportare e nuovi metodi da utilizzare.

Nel discutere le possibili date del dipinto, alcuni studiosi sostengono che parti di esso avrebbero potuto essere realizzate solo verso la fine della sua vita a causa dello stile utilizzato.

Da Vinci ha continuato ad affinare la sua abilità fino alla morte.

Fare e revisionare

L’intuizione qui non è necessariamente che non dovresti mai finalizzare ciò che produci o decidi ma essere consapevole che, anche quando qualcosa è fatto, può ancora essere migliorato.

La realtà non è statica e nemmeno le tue decisioni e produzioni.

Possono e devono essere perfezionate nel tempo e spetta a te sperimentare abbastanza per assicurarti di dare sempre il meglio.

Confondere la curiosità con il genio può sembrare inappropriato, ma quando pensi alla curiosità come misura del tuo impegno e della connessione con ciò che ti circonda, non è più così sbagliato, non credi?

Leonardo da Vinci ha visto il mondo come nessun altro, ma il motivo per cui lo ha fatto è dovuto alle scelte che ha fatto e soprattutto dalle sue interazioni con esso.

Ha scelto di essere sempre consapevole e sintonizzato.

Il modo in cui interagisci con la realtà fa la differenza e la curiosità è un’arma sottile ma potente che ognuno di noi può usare per influenzarla.

Ricordati che essere curiosi non è garanzia di alcun tipo di ingegnosità, ma non c’è genio senza di essa.

Buon Lunedì del Mentore!